Seleziona una pagina
Le lancette della Storia e le anime perdute

Le lancette della Storia e le anime perdute

Come se tutto si fosse fermato. Accade che, quando le lancette della Storia comincino ad intonare le note della dissolvenza di un ciclo, tutto sembra essere perduto. Per sempre, come se quel pezzo di storia non fosse mai esistito o rischiasse di non mostrare la propria valenza futura ed il proprio significato di fondo. Ci si sente smarriti ed indifesi, persi nell’inconsistenza di una (in)adeguata rappresentanza politica. Ci si guarda allo specchio impauriti, persino increduli dinanzi ad avvenimenti epocali.

 

E’ così che il 1989 ha decretato la caduta della Sinistra, poiché tecnicamente ancorata ad un blocco mondiale che si era contrapposto allo strapotere del capitalismo. Lo spartiacque a cavallo del nuovo millennio. Il tentativo di ripristinare l’identità dissolta appunto dalla storia stessa e dalla vecchia politica (quella che contava, prima dell’avvento della finanza).

 

Mai come in quel momento la domanda dei giorni a venire sarebbe stata: «Che cosa vuol dire oggi essere di Sinistra?» Come quando un figlio o una figlia perdono un genitore (e viceversa). Come quando si perde chi si ama. L’inizio dell’anno zero: «Cosa sono adesso? Cosa farò senza di loro?»

 

Le lancette di quella Storia tornano così a farsi sentire, come se la loro recente assenza non fosse mai avvenuta. Lancette sempre rimaste lì, a risuonare nella generale incertezza del mondo della Sinistra Italiana (e non solo). Perché quella perdita di identità politica si è concretizzata successivamente in tutte le situazioni partitiche interne. La riorganizzazione della Sinistra sotto l’Ulivo e Romano Prodi aveva inscenato una falsa risoluzione attraverso un contenitore di anime smarrite e desiderose di abbandonare una deludente solitudine dopo catastrofi nazionali (Mani Pulite) e internazionali (fine del ‘secolo breve’).

 

Ma a legare queste anime, paradossalmente, concorrerà (e forse ancora oggi) il grande e temuto avversario: la Destra e Silvio Berlusconi. Certo, il terremoto di Tangentopoli racconta al nostro Paese molto più di un evento come la caduta del comunismo, portando al decesso della democrazia bloccata e del quarantennio DC. L’unione delle nuove anime diverrà così presto concreta. Quasi senza che nessuno se ne rendesse conto. Saranno i tempi della ‘ricostruzione’ politica (mentre la Storia già cominciava a far assaporare l’amaro odore del declino dei partiti di massa).

 

Difficile che dunque un progetto azzardato possa durare nel tempo. Il prezzo politico è ben presto stato pagato: la vittoria elettorale in cambio di una instabilità governativa. E Prodi uno e Prodi due. Boom, per un motivo o per l’altro, ecco la Sinistra schiacciata definitivamente da se stessa nonostante una guida ed un freno all’antiberlusconismo. Poi il Pd, nell’arco di dieci anni intensi e travagliati. Che sia dunque questo un nuovo racconto o semplicemente la fine dell’ennesima storia raccontata ma mai realmente venuta a luce?

 

Parlare di Sinistra in Italia sta ormai divenendo qualcosa di claustrofobico o al contrario di irrisorio. Basti pensare all’innumerevole presenza di partiti e partitini per rendere l’idea di una situazione disastrata e disastrosa, ormai incline al capolinea prima di essere spazzata dalla destra e dal grillismo. Sinistra italiana, Possibile, ConSenso, Campo Progressista, Socialisti, Rifondazione e interminabili sigle riconducibili al post-comunismo, quasi a decretare indissolubilmente la caduta del Comunismo stesso.

 

Tutti lì presenti, ma con una differenza sostanziale rispetto al passato: nessuna alleanza con il principale partito del Centrosinistra. Nessuna alleanza con la demoniaca figura di Renzi. Questo è il cambiamento della sinistra post-comunista: incapace di tenersi in piedi, forse perché consapevole di dove si andrà a sbattere, ripetendo esperimenti di una certa complessità. Incapace di condividere la propria identità, la propria vocazione e cultura di provenienza. Un campo di idee non più capace di camminare e di trovare casa. Eternamente indecisa circa il crearne una nuova (tanto per cambiare).

 

E’ la fine del tutti ‘insieme per vincere’, del grido prodiano ‘abbiamo vinto’ e dell’onesto pareggio bersaniano. Certo, resta il ‘si fa quel che si ha ma si fa per tutti’. Ma si ripresenta spesso, puntuale come orologi ben congegnati, il lato peggiore: l’appigliarsi al termine Sinistra con qualche discorso a base di anti-renzismo. Come se anche qui, le lancette della storia si/ci riportassero al ventennio berlusconiano e alla altrettanto mai nata Seconda Repubblica. Come se ‘Sinistra’ fosse parola senza concetto, contenente senza contenuto, precario presente senza passato né futuro.

 

E mentre ‘partiti e partitini’ bisticciano sul chi nutre più Sinistra nel proprio corpo, i cittadini rischiano di ritrovarsi totalmente evaporati da quel concetto, vittime di un pasticcio che devasta progetti politici e spiriti riformistici. Ma saranno proprio le anime politiche a dover ricercare il congiungimento con la propria base elettorale. Con un progetto di identità e condivisione: altrimenti per la Sinistra non resterà che l’eterno anno zero, o forse nemmeno quello. Le lancette della storia vanno percepite ed ascoltate. Ignorarle equivale al suicidio politico.

Come le rifugiate siriane usano il cibo per la lotta contro Trump

Come le rifugiate siriane usano il cibo per la lotta contro Trump

Traduzione dal TIME: http://time.com/4663317/syrian-refugee-women-cook-food-restaurant/?xid=homepage

Le storie

Dyana Aljizawi ha passato tre giorni cucinando più di due dozzine di piatti tradizionali siriani– riso pilaf, hummus, insalata, baba gaboush, cosce di pollo arrosto e altro- ed era esausta. E’ stata una notte impegnativa per la ventenne rifugiata siriana al Syria Supper Club, gruppo dedicato all’accoglienza dei rifugiati attraverso la condivisione di pasti.

Aljizawi è una delle molte donne rifugiate che sono riuscite a entrare in sintonia con le loro nuove case e a guadagnare cucinando e condividendo piatti tradizionali con i vicini degli Stati Uniti e del Canada. Grazie al Syria Supper Club, queste donne ricavano profitti dall’organizzazione di cene a buffet con l’intento di respingere l’islamofobia e la xenofobia che, a detta loro, è stata esacerbata dall’elezione del Presidente Donald Trump. “Sono spaventata all’idea di uscire perchè, con il corrente clima politico e Trump, ho paura che possiamo essere rispedite a casa, in una zona di guerra”, ha detto Aljizawi, che ora vive nel New Jersey con suo marito. “L’America è piacevole, bellissima, ma abbiamo dovuto affrontare moltissimo dolore qui”.

La guerra civile siriana ha creato circa 11 milioni di emigranti, mandandone più di 10,000 in America e 40,000 in Canada. Prima di arrivare negli USA, Aljizawi ha vissuto in Egitto per alcuni anni. Sebbene non abbia fornito molti dettagli circa la sua precedente vita in Siria, Aljizawi ha detto di aver imparato la cucina tradizionale siriana da sua madre all’incirca a 17 anni, mentre viveva in Egitto. Durante la serata, gli invitati alla cena hanno fatto i complimenti allo chef, meravigliati dalla varietà delle sue abilità culinarie ad una così giovane età. A differenza del cibo americano, la cucina siriana, ricca di verdure e carne “halal”, include miriadi di piatti. I 20 piatti e più di quella sera non erano niente, ha detto Aljizawi.

“Dovreste vedere com’è durante il Ramadan”, ha detto, mentre descriveva l’infinita quantità di cibo che lei e la sua famiglia avrebbero mangiato alla fine del mese santo di digiuno Islamico. Un po’ timida all’inizio, Aljizawi si è aperta con il proseguire della cena, aiutata dal suo traduttore Asma Alqudah, studente alla Montclair State University. Alla fine del pasto delle risatine riempivano l’angolo della sala occupato dalle donne più giovani che parlavano animatamente in Arabo e si facevano alcuni selfies. Alijzawi ha detto che il suo più grande obiettivo è cucinare per la sua famiglia ed occuparsi della sua casa, una volta stabilitasi perfettamente nella sua nuova dimora.

La cucina come forma di integrazione

Oltre al rischio di islamofobia, altre sfide hanno reso la vita in America difficile per Aljizawi. Casa sua è troppo piccola e in pessime condizioni, l’affitto è troppo caro e lei e suo marito non hanno agevolazioni adeguate, ha detto. I soldi che guadagna grazie alle cene sono d’aiuto mentre cerca lavoro. Gli ospiti acquistano i biglietti a 50 dollari l’uno, per poter partecipare alla cena, e il ricavato va alle donne siriane per acquistare gli ingredienti necessari. Iniziato da Kate McCaffrey e Melina Macall, il Syria Supper Club offre opportunità ai rifugiati e cerca di opporsi a Trump. Le donne, che sono state coinvolte nel progetto dalla sinagoga di Montclair, Bnai Keshet, hanno organizzato circa 30 cene, di cui 15 solo a Gennaio, tanto  la popolarità del club cresce. Circa 30 rifugiate hanno cucinato, e ci sono stati vari ospiti che si sono proposti per organizzare eventi successivi.

Trump ha attraversato le menti di tutti gli ospiti durante la cena del 5 Febbraio, tenutasi nei giorni seguenti all’emanazione da parte di un giudice federale di una conferma circa il suo ordine esecutivo sull’immigrazione, che bandiva i provenienti da sette nazioni a maggioranza musulmana, incluso un bando a tempo indeterminato per i rifugiati siriani. Molte persone vedono il bando come anti-Musulmano e condividere i beni con i rifugiati già presenti negli USA è diventato l’unico modo per gli americani di ribellarsi contro l’ordine, che è stato subito ostacolato da un appello alla corte federale in California.

Il desiderio di familiarizzare con i nuovi vicini ed aiutarli ad avere una vita piena ha spinto gli americani e i canadesi ad avviare in entrambi i Paesi pop-up restaurants e servizi di catering che assumono le donne per condividere quelle ricette della tradizione orale che potrebbero dissolversi a causa della dispersione nelle varie parti del mondo. A Toronto, in Canada, Newcomer Kitchen invita le donne siriane rifugiate a preparare pasti settimanali che vengono venduti online per 20$. Il menù varia da settimana a settimana e può includere torte salate di carne, Tabbouleh, hummus, pollo, verdure e sempre un dolce tipico siriano.

“Vogliamo celebrare il fatto che conservino una delle più antiche tradizioni culinarie al mondo”  afferma la co-fondatrice Cara Benjamin-Pace. “Il nostro obiettivo non è formare queste donne affinché si inseriscano nel settore culinario. Vogliamo riunirle e accoglierle come donne e come parte della comunità.”

Sembra abbia funzionato per tre donne che cucinano ogni settimana per Newcomer Kitchen. Le tre vivevano a Toronto da circa un anno e hanno raccontato al TIME, attraverso un traduttore, di quanto si sentissero frustrate prima di essere coinvolte nel progetto,  e di come il loro umore sia migliorato ora che sono parte di una comunità affiatata. Una cuoca, Amina Alshaar, ci ha raccontato di aver esitato prima di unirsi al progetto perché non aveva mai fatto “questo tipo di esperienze”. Come casalinga, cucinare per la sua famiglia poteva risultarle stressante ma, alla Newcomer Kitchen, sente di avere una nuova energia. “Sono qui per sette ore e sono davvero felice. Per niente stanca” dice Alshaar.

Cucinare per non sentirsi sole

Khadija Alibrahim, un’altra cuoca, ci racconta di come  la sua famiglia ha reagito alla notizia di voler lavorare ora che vive in Canada. Hanno cambiato idea quando hanno visto quanto lei fosse soddisfatta. “Mi ha resa davvero felice l’idea di riunirmi con altre donne” dice. “Se non mi fossi unita a questo tipo di progetto, non avrei avuto la possibilità di familiarizzare con gli eventi sociali che la cucina racchiude.”

Ghada Neemat racconta invece della necessità di cucinare per evitare di sentirsi sola. Neemat, 32 anni, ci ha detto di aver perso suo padre, suo fratello e tre cugini a causa della guerra. “La possibilità di incontrare Cara e far parte di questo progetto è stata davvero d’aiuto” racconta Neemat che ora è incinta. “Prima ero totalmente depressa, ora mi sento molto meglio”

La politica di accoglienza canadese nei confronti dei rifugiati ha sorpreso totalmente le donne, molte delle quali al proprio arrivo sono state accolte dal primo ministro Justin Trudeau in persona. Alshaar dice che le ci vorrebbero circa dieci giorni per esprimere a pieno la sua opinione nei confronti di Trump e della sua politica isolazionista. “Non ce lo si aspetta da un presidente degli Stati Uniti” dice riferendosi all’ordine esecutivo di Trump, il quale ha causato la detenzione negli aeroporti di milioni di persone il giorno dopo averlo sottoscritto. “Come hanno fatto ad eleggerlo?”

Benjamin-Pace dice che la Newcomer Kitchen è riuscita a raggiungere le donne proprio perché tendono ad essere messe in secondo piano quando la propria famiglia arriva nella nuova casa. Mentre gli uomini trovano un lavoro e i figli vanno a scuola, loro restano a casa e si isolano. “E’ quasi come se le loro vite non avessero l’opportunità di ripartire. Se dai nuova energia alle donne, lo sviluppo complessivo della famiglia è parecchio superiore.” sostiene Benjamin-Pace. “Le donne in Siria hanno un grande potere. Non stiamo cercando di cambiarle. Vogliamo solo valorizzarle per ciò che sono.”

 

Traduzione di Silvia Fortunato e Francesca Del Vento

Israele-Palestina. La soluzione a due Stati non è più una soluzione

Israele-Palestina. La soluzione a due Stati non è più una soluzione

“Uno o due Stati? L’importante è la pace”. Questo è stato il primo giudizio pubblico sulla questione palestinese di Donald Trump nelle vesti di presidente degli Stati Uniti, durante il suo primo incontro con l’omologo israeliano Benjamin Netanyahu. Una stupidaggine? Affatto. Ovviamente tale opinione è stata criticata da molti, compresa l’OLP presieduta da Abu Mazen, da sempre concorde con la soluzione a due Stati, causa che però porta avanti con un politica totalmente stagnante.

La soluzione dei “due Stati, due popoli” è il principio su cui si sono basate le trattative di pace tra israeliani e palestini  a partire dall’accordo di Oslo del 1993. Praticamente 25 anni fa. Non ci vuole molto per capire come molte cose siano cambiate d’allora, quando altre invece sono purtroppo rimaste uguali. Cosa non è cambiato? Israele continua, di fatto, ad occupare militarmente gran parte del territorio della Cisgiordania, continua ad umiliare militarmente e tramite l’embargo la popolazione di Gaza, oggi di fatto una “prigione a cielo aperto”.  Non è cambiato l’atteggiamento di Israele nei confronti dei palestinesi, costretti a “vivere come cani“. È l’essenza del sionismo, sintetizzato fedelmente dall’allora ministro degli esteri Ariel Sharon, nel 1998, quando davanti alla platea del Tsomet Party disse: “non c’è sionismo, colonizzazione, o Stato ebraico senza la cacciata degli arabi e l’espropriazione delle loro terre”.

Cosa è invece cambiato in questi anni? Molto è cambiato, rendendo la soluzione a due Stati impossibile.

La novità è che gli USA con Trump rompono il ritornello ormai retorico del “due Stati, due popoli”, svuotato di qualsiasi significato dalla stessa realtà e ormai impossibile da attuare come spiegato in seguito. Per il resto l’incontro Trump-Netanyahu è il solito show, di un capo di stato americano che giura eterno amore per Israele. Atteggiamento irremovibile, essendo Israele la più importante base militare USA per il sostegno dei propri interessi energetici e strategici nella regione.

Mappa degli insediamenti Israeliani Fonte: HRW

La questione degli insediamenti

Dimostrando mancanza di memoria storica, lo Stato ebraico ha costruito un muro lungo 730km che divide Israele dalla Cisgiordania, cercando di inglobare gli insediamenti israeliani. Proprio la questione degli insediamenti è un nodo chiave della questione attuale: la costruzione di colonie israeliane, illegali per il diritto internazionale, in Cisgiordania, oltre a provocare tensioni e alimentare le ingiustizie, ha di fatto reso impraticabile la soluzione a due Stati. Circa 500000 israeliani vivono nei territori dove dovrebbe sorgere lo Stato Palestinese, e questi territori sono sotto controllo militare e amministrativo di Israele.

L’interdipendenza economica

In secondo luogo, ed è il punto più importante, la convivenza forzata di due popoli ha portato ad una naturale interdipendenza economica. Oggi in Israele vivono all’incirca 8.192.000 milioni di persone, di cui l’80% sono israeliani e il 20% sono arabi con cittadinanza israeliana, cristiani e musulmani. Il 43,3% degli arabi israeliani uomini lavorano nei settori dell’edilizia, dell’agricoltura e dell’industria. Solo il 7.8% degli arabi israeliani lavora nel settore bancario e assicurativo e il 2,8% nell’industria high-tech. Mentre le donne, sono occupate perlopiù nel settore dell’istruzione. I lavoratori arabi costituiscono un’importante manodopera per l’intero indotto economico israeliano,  le ragioni sono gli stipendi più bassi: la paga media oraria di un arabo residente in Israele è di 7,8€ circa, contro gli oltre 13€ di un cittadino israeliano ebreo. A tutto ciò si aggiungono i 50000 lavoratori palestinesi legali (cioè che hanno un permesso da Israele, molto difficile da ottenere) che ogni giorno attraversano le infinite frontiere e check-point militarizzati israeliani per raggiungere il posto di lavoro.  

Mentre le donne, sono occupate perlopiù nel settore dell’istruzione. I lavoratori arabi costituiscono un’importante manodopera per l’intero indotto economico israeliano,  le ragioni sono gli stipendi più bassi: la paga media oraria di un arabo residente in Israele è di 7,8€ circa, contro gli oltre 13€ di un cittadino israeliano ebreo. A tutto ciò si aggiungono i 50000 lavoratori palestinesi legali (cioè che hanno un permesso da Israele, molto difficile da ottenere) che ogni giorno attraversano le infinite frontiere e check-point militarizzati israeliani per raggiungere il posto di lavoro.  Mentre sono 30000 i lavoratori illegali, che oltrepassano cioè le recinzioni in modo illegale per raggiungere il posto di lavoro in Israele. Questi ultimi si stima che guadagnino circa un quarto dello stipendio di un Israeliano ebreo. Questo mescolarsi di persone e capitali sta creando interdipendenza tra israeliani e palestinesi, rendendo il sistema economico israeliano dipendente dalla manodopera palestinese. Dall’altro lato, i palestinesi, potranno utilizzare questa loro posizione per condurre battaglie per maggiore libertà e per la fine di una segregazione ormai indegna del mondo in cui viviamo.

Minoranza Pd? Vota Waldo!

Minoranza Pd? Vota Waldo!

Nella morsa di un drammatico labirinto ‘lynchiano’ il Partito Democratico si appresta a vivere il fine settimana più difficile dalla propria nascita. Succede qualcosa di apparentemente inspiegabile dalle parti del Nazareno. Tuttavia, non pare vi sia nulla di cui stupirsi.

 

Il Partito Democratico rispetta in realtà gli albori e le proprie origini: uniti per dividere. Era il 14 ottobre del 2007 quando l’impresa giunse a termine. Erano i tempi del ‘riunire’ il Centrosinistra per rilanciare il Paese e preparare la spallata nei confronti del redivivo Silvio Berlusconi, il Revenant della politica italiana.

 

A dieci anni di distanza si compie la catarsi di un Partito che sulla carta anagrafica avrebbe quanto meno dovuto e potuto avviarsi verso una fase (almeno) adolescenziale. E dire che da più parti qualcuno riferisse addirittura di una annidata maturità: l’era della svolta, della definitiva crescita e della vocazione maggioritaria dopo anni di insuccessi elettorali. Ed invece ecco la nascita-non nascita: il compimento per eccellenza della guerra a sinistra alla fatica domanda: «Chi lo è di più tra noi?»

 

E’ così che uno dei principali partiti del socialismo europeo si avvia verso una sfaldatura annunciata, poiché espressione di personalità (apparentemente) inconciliabili. Perché è sufficiente governare con un Centrodestra di turno per giustificare la perenne malattia ed i quotidiani mal di pancia, dimenticando le cause di un paraggio elettorale che ha comportato ‘il dono’ delle obbligate larghe intese.

 

Succede che poi, ad un certo punto, nel momento in cui chi allora comandava decise di lasciare il timone, qualcuno dovesse pur prendere le redini del partito. Democraticamente, rispettando le radici ed il nome di quel partito stesso. Un partito impaurito da elezioni sulla carta agevoli, consumate e dissoltesi in lettere IMU berlusconiane e generale sottovalutazione degli avversari politici (vedasi M5S). Il prodotto delle primarie, creato e consolidatosi con la tradizione Pd, avrebbe portato all’avvento di un nuovo leader.

 

La favola proseguì così con la legittimazione popolare della nuova guida, quella del giovane Matteo Renzi. Ma dalle parti della vecchia guardia tale affronto non poteva, non può e non potrà essere tollerato. Viene ancora da chiedersi come l’attuale minoranza abbia salutato il salto di qualità (a livello di consenso) renziano conseguito a pieni voti alle Europee del 2014. L’impressione è che qualcun altro, alla presa d’atto di quel 40,8%, abbia dovuto usufruire dell’ormai famosissimo maalox.

 

Ed allora comincia una visione oscura: legare il futuro di Renzi al risultato, in attesa di potersi riprendere la ditta. Senza una lucida visione in vista del futuro. Senza una piattaforma politica condivisa. Senza una minoranza ‘unita’ per replicare all’attuale leadership e scardinarla sulla base dei contenuti e di una proposta da presentare al Paese.

 

In tutto questo, ecco giungere al labirinto ‘lynchiano’. Eccoci immersi nel definitivo sviluppo di una trama nascosta ma di fatto già scritta: dimenticarsi del Paese, lasciandolo nelle mani di destra e populismo. Questa volta non sarà nemmeno necessario fingere o richiamare le vicende capitoline di Raggi e M5S. La manifesta incompetenza di un qualunque pentastellato non potrà mai essere tanto incisiva quanto l’eterna scissione che diviene davvero scissione. Storia di un amore desiderato, che si accinge ad un avveramento di portata storica.

 

La speranza è che tutta questa storia che raccontiamo possa rendere felice e ‘serena’ la minoranza più famosa del Paese, peraltro ormai stanco e surclassato da una non-crescita formato fanalino di coda UE. Ma non è così interessante: in questo momento è prioritario capire se dalle parti della minoranza a spuntarla possa essere Emiliano, Rossi o Speranza. O almeno così pare (a chi?).

 

Una minoranza che non è nemmeno minoranza, ma minoranza di una parte delle minoranze, avrebbe sacrosanto diritto a contestare le ragioni di chi ha il dovere di gestire e non comandare un partito. Questo non vuol dire che giocare all’autodistruzione rappresenti il mezzo idoneo o addirittura lecito (moralmente parlando) al fine di condannare all’incertezza il soggetto politico titolare dell’attuale legislatura. Esiste un limite, di maturità appunto, che non dovrebbe essere oltrepassato da chi teoricamente dovrebbe essere guida del paese (sulla base dell’ultimo responso elettorale nazionale).

 

Ma ribadiamo: l’esatta rappresentazione del Pd giunge ormai a compimento. La scissione è dunque servita, in un finale che nessuno si aspettava essere così noioso e scontato. Ci si aspettava altro. Un colpo di scena, che rivelasse di una compagine politica straordinariamente teatrale ed in grado di sbaragliare gli avversari, illudendoli di una caduta che non sarebbe mai avvenuta. Ed invece di teatrale resta solo una possibilità: candidare Waldo*. Di questo passo potrebbe essere l’unico realmente in grado di sconfiggere Renzi.

 

*    ‘Waldo è il protagonista della puntata 2×03 di Black Mirror. E’ la storia di Jamie Stalter, comico (in declino) nelle vesti di un orsetto blu di nome Waldo. Il produttore di Waldo deciderà di candidare l’orsetto, che concorrerà così alle elezioni della città, nonostante i toni scurrili e poco consoni al linguaggio politico. Nonostante ciò, l’orsetto giungerà secondo sfiorando la vittoria’.

foto da: nonsolocinema.com

Kurdistan: a un passo dall’indipendenza

Kurdistan: a un passo dall’indipendenza

La Regione autonoma del Kurdistan iracheno, o, come preferiscono chiamarla i curdi: Kurdistana Başūr (Kurdistan del Sud) riferendosi all’area geografica e all’ideale unitario del Kurdistan, sembra vicino alla sua indipendenza dal governo di Baghdad che potrebbe essere sancito con un referendum.

L’attuale primo ministro curdo Nachirvan Barzani dichiarò: “Uno Stato curdo è il nostro sogno e non ci si può impedire di sognare ma noi oggi siamo una regione dell’Iraq e rispettiamo la Costituzione”. Proprio nella Costituzione approvata nel 2005 che la soluzione è stata parzialmente trovata: formare uno stato federale con un certo grado di indipendenza al Kurdistan.

Nechervan Barzani presidente del Kurdistan iracheno immagine da Kurdistan 24

Nachirvan Barzani primo ministro del Kurdistan iracheno immagine da Kurdistan 24

La questione curda oltre ad avere un forte carattere internazionale ha sempre rappresentato un problema vivo per l’Iraq. Dagli anni Sessanta in poi si contano diverse rivolte con una parentesi negli anni Ottanta dove Saddam Hussein iniziò una dura e feroce repressione anche con l’impiego di armi chimiche. A seguito della disfatta dell’Iraq di Saddam nel corso della prima guerra del Golfo, le forze curde riuscirono a ritagliarsi una parte del territorio curdo iracheno. Dal 2004 in poi, dopo la caduta del regime, il Kurdistan iracheno approfittò delle difficoltà dello Stato centrale iracheno per ricompattarsi e diventare sempre più autonomo ben distinto da Baghdad. Un processo in un territorio dove sono poi piovuti fiumi di investimenti occidentali e turchi.

Oggi Erbil, nonché il capoluogo, è la città più grande e rappresentativa del Kurdistan iracheno lì dove Masud Barzani (nonno di Nachirvan) ha impiantato un vero e proprio feudo che dal 2005 in poi garantisce al suo partito i due terzi dei voti ad ogni elezione. Il fallimento iracheno però ha portato anche quest’area in profonda crisi. Infatti, il Kurdistan iracheno non è più quell’isola prospera, stabile e felice. Anzi, oggi gravi difficoltà finanziarie, forti tensioni interne, dinamiche internazionali e il Daesh minacciano il suo futuro. Dunque, il paese è investito da una crisi economica e sociale, oltre che politica e militare.

L’economia e la società curda dipendono quasi esclusivamente dal petrolio, e nonostante la prosperità degli ultimi anni molti settori critici come l’agricoltura sono rimasti molto arretrati. Il settore privato, come costruzioni, servizi e telefonia, è direttamente o indirettamente nelle mani di pochissime famiglie tra cui quella di Barzani e Talabani (famiglia curda che ha formato un partito d’opposizione a Barzani). Dunque l’economia, sia pubblica che privata, è stata gestita con nepotismo e corruzione.

Ad azzoppare l’economia curda ha soprattutto contribuito l’attuale crisi mondiale del settore petrolifero ovvero l’andamento della domanda e prezzo del petrolio degli ultimi anni (vedi OPEC). Dopotutto, l’esportazione di petrolio, come per alcuni paesi del medio-oriente, è la principale leva della politica estera curda.

Probabilmente è proprio per riacquistare un po’ della legittimità e del supporto popolare perduto, che Barzani sta spingendo, già dal 2014, per indire un referendum sull’indipendenza del Kurdistan iracheno. A fronte della crisi del paese, nonché delle future e probabili (?) problematiche con Baghdad, Ankara e Teheran, sono in molti a considerare questa mossa più diretta a rinvigorire il nazionalismo curdo piuttosto che un piano effettivamente realizzabile.

Geografia della regione autonoma del Kurdistan iracheno immagine da wikimedia

Geografia della regione autonoma del Kurdistan iracheno immagine da wikimedia

L’obiettivo reale però potrebbe potrebbe essere Kirkuk, abbandonata dagli iracheni con l’avanzata dello Stato Islamico prima e poi occupata dai peshmerga. Anche se in teoria secondo l’art. 1404 della costituzione irachena è prevista “l’espressione popolare per decidere a chi [tra arabi o curdi] assegnare Kirkuk” attualmente sotto il controllo curdo e Barzani ora minaccia il referendum sull’indipendenza dell’intero Kurdistan.

Questa rapida indipendenza stuzzica solamente a una fazione del partito di Barzani che conta sul presunto appoggio politico turco (e non solo) per i proventi della vendita indipendente del petrolio; però molti dei politici curdi temono che, in tal modo, il paese diventerebbe un vassallo incapace di una propria politica finanziaria e militare. 

Semplificando le possibili traiettorie del Kurdistan iracheno sono l’indipendenza, l’autonomia e l’implosione:

  1. Nel dicembre 2016, Barzani ha affermato che la regione potrebbe spingere per l’indipendenza al termine della battaglia per liberare Mosul dall’IS sia terminata. Una mossa non solo malvista dagli USA e dall’Iran ma anche don chisciottesca per le inevitabili implicazioni conflittuali sul controllo di territori strategici senza istituzioni solide e una robusta economia.
  2. L’autonomia, ovvero il permanere dello stato federale iracheno, parrebbe l’opzione più auspicata e saggia, ma nemmeno tanto semplice senonché richiede la stabilizzazione in seno alle forze politiche curde e un riavvicinamento con Bagdad sulla gestione delle risorse petrolifere e per il destino di Kirkuk.
  3. La terza opzione dell’implosione è forse quella che rischia di verificarsi se non si avverano le due precedenti.

Dal suo canto Barzani può far conto su qualcosa di certo, ovvero che alla fine della guerra allo Stato Islamico la pace busserà anche alle porte del Kurdistan.

Protesta in Romania, la battaglia anticorruzione che rievoca il 1989

Protesta in Romania, la battaglia anticorruzione che rievoca il 1989

Vrem democraţie, fără amnistie!” Urlano a piena voce migliaia di manifestanti per le strade delle maggiori città rumene. Significa “vogliamo la democrazia, senza amnistia” ed è uno degli slogan che da giorni accompagna le proteste che infiammano il popolo rumeno.

E’ il 31 gennaio quando il governo, guidato dal premier socialdemocratico Sorin Grindeanu, approva un decreto d’urgenza in piena notte che rende l’abuso di potere punibile solo se arreca un danno allo stato superiore a circa 44.000 euro. Il provvedimento prevede, inoltre, che il reato sia investigabile solo a seguito di denuncia, la quale deve essere presentata entro sei mesi dall’accadimento dei fatti.

Il decreto è stato presentato, almeno nelle intenzioni, come misura urgente contro il sovraffollamento delle carceri. Secondo i critici, tuttavia, proteggerebbe proprio il leader del partito al governo e presidente della camera, Liviu Dragnea, condannato a due anni in via definitiva con sospensione della pena per frode elettorale e accusato di una perdita dello stato pari a circa 24.000 euro. A poche ore dall’approvazione del decreto, le piazze delle maggiori città si riempiono di uomini e donne armati di bandiere, cartelli e voci urlanti “Hoții” (ladri). Dopo solo due ore dall’annuncio del Ministro della Giustizia Florin Iordache, ci sono già in Piazza della Vittoria a Bucarest 10.000 persone pronte a urlare la loro rabbia nonostante il freddo e l’orario.

Alle 2.00 circa i manifestanti iniziano a tornare ad abbandonare le piazze, ma sui social network l’appuntamento è già fissato per il giorno successivo e la partecipazione diventa sempre più massiccia, portando in pochi giorni davanti al Palazzo del Governo 200.000 cittadini e 300.000 in totale in tutta la Romania. Un numero così alto non si vedeva dai tempi della rivoluzione che nel dicembre 1989 portò alla caduta del regime comunista di Nicolae Ceaușescu. Il clima è bollente. Il 2 febbraio il Ministro del Commercio Florin Jianu esprime il suo disaccordo con le scelte del governo. Sulla sua pagina Facebook, riferendosi al figlio, scrive: “Tra qualche anno, quando lo guarderò negli occhi non avrò bisogno di dirgli che suo padre era un vigliacco.”

Protesta in Romania immagine da ilPost

E mentre la Commissione Europea esprime forte preoccupazione per la modifica del Codice Penale rumeno, le manifestazioni continuano e il 4 febbraio il premier annuncia la revoca del decreto. Sembrerebbe una storia a lieto fine, ma ormai la miccia è scoppiata e i numeri aumentano. 600.000 persone continuano a protestare nonostante il dietrofront del governo. Nelle loro parole c’è la diffidenza di un popolo che si sente preso in giro. La costituzionalità incerta della nuova ordinanza ha infiammato ulteriormente gli animi dei manifestanti che ora chiedono a gran voce le dimissioni del governo.

Sfilano per le strade giovani e anziani e i loro volti esprimono tutta la rabbia di un paese stanco di essere uno tra gli stati più corrotti d’Europa. Centinaia negli ultimi anni sono infatti i funzionari incriminati di abuso di potere e corruzione e un report dell’IPP (Institute for Public Policy) rileva che il 15% dei parlamentari eletti nel 2012 era sotto indagine o lo è stato in passato.

Sfilano tutte le generazioni in Romania. Ci sono gli adulti che fino a poco tempo fa, disillusi, credevano di non poter cambiare nulla ed ora vedono riaccendersi la speranza. Ci sono ragazzi e ragazze che urlano a temperature sotto lo zero, da giorni, la propria rabbia e che non hanno assolutamente intenzione di fermarsi. E ci sono persino i bambini, con le loro bandierine di plastica tra le mani, a rappresentare il futuro per cui si sta lottando.

Intanto nelle ultime ora il presidente rumeno Khlaus Ioannis ha dichiarato di fronte al Parlamento che “l’abrogazione del decreto e le eventuali dimissioni del ministro della Giustizia non sono sufficienti. La soluzione della crisi si trova all’interno della maggioranza di sinistra” suggerendo implicitamente le dimissioni del governo e la nomina di un nuovo esecutivo sempre affidato al PSD. “Convocare elezioni anticipate sarebbe eccessivo in questo momento” ha aggiunto. Alle parole del presidente molti deputati della maggioranza hanno abbandonato l’aula.
La questione sulle sorti del governo rimane ancora sospesa. Ma ciò che è certo è che, in un tempo in cui la sfiducia nei confronti del cambiamento è alta, il popolo rumeno dimostra che uniti, senza violenza e con grande tenacia, si può fare la differenza. Dimostra che la politica, ossia l’arte di governare, non è solo di chi siede sulle poltrone in un aula del Parlamento, ma è anche e soprattutto dei cittadini, senza la cui partecipazione non può esistere democrazia.

Monia Sammali

Pin It on Pinterest