Seleziona una pagina
Cronache dei figli cambiati

Cronache dei Figli Cambiati

Un blog irriverente

Domenica Letteraria-Anime destinate alla disfazione

Torniamo questa Domenica Letteraria con la poesia “Anime destinate alla disfazione”, di Silvia Fortunato.
“A volte gli specchi sono vuoti, perchè non sanno più che dirci, non sanno cosa ridarci, né raccontarci. E noi, fantasmi pallidi, ombre di anime, manchiamo di essenza, svuotati e lacerati, persi, appunto, nella disfazione: nell’infrangerci come la luce che attraversa le gocce d’acqua, ci scomponiamo, fino a ridurci, millesimarci.”

Maternità surrogata, il silenzio del Legislatore

E’ questione di buon senso (oltre che di buon governo) intervenire su materie di questo genere, nelle quali pare evidente l’interesse del cittadino in relazione ai propri diritti. In questo non solo il governo Gentiloni, ma il Parlamento tutto (ormai da anni) continuano a nascondersi quasi ignorando la portata delle tematiche e lasciando al Paese e ai giudici un vuoto giuridico tanto consolidato quanto consistentemente destabilizzante. Il punto di Cosimo Cataleta

Imbarcazioni, rotte e commerci del passato

Si avvia con il primo del nuovo mese una rubrica tutta dedicata all’Archeologia. Giulia Morra ci guiderà attraverso i culti, le usanze e le meravigliose vestigia del mondo antico. Oggi il discorso è incentrato sulle origini e sullo sviluppo delle navi antiche, con particolare riferimento alll’eccezionale scoperta del relitto di Monfalcone. Buona lettura!

Domenica Letteraria – In un angolo sperduto di un mondo rotondo

Quante volte ho pensato di voler avere una seconda occasione, quante volte ho pensato “e se..?”. Ho visto strade infinite dipanarsi, scenari, palcoscenici e possibilità. E voi, cosa sareste disposti a dare in cambio di un rewind? Cambiereste qualcosa oppure terreste tutto intatto, esattamente com’è?
Io mi sono ritrovata a cercare passanti, figure, ricordi, in ogni angolo un angolo sperduto di un mondo rotondo.

I See You: l’evoluzione catartica degli XX

Lunedì 20 febbraio gli XX sono tornati in Italia, al Forum di Assago e hanno presentato al pubblico il loro nuovo lavoro, I See You. Il nuovo album esplora molto da vicino i membri della band e le loro vicissitudini durante questo periodo di silenzio discografico durato 4 anni. In attesa delle annunciate date estive a Roma e Firenze, proviamo ad entrare in questo nuovo lavoro grazie a questo articolo.

Le lancette della Storia e le anime perdute

E’ la fine del tutti ‘insieme per vincere’, del grido prodiano ‘abbiamo vinto’ e dell’onesto pareggio bersaniano. Certo, resta il ‘si fa quel che si ha ma si fa per tutti’. Ma si ripresenta spesso, puntuale come orologi ben congegnati, il lato peggiore: l’appigliarsi al termine Sinistra con qualche discorso a base di anti-renzismo. Come se ‘Sinistra’ fosse parola senza concetto, contenente senza contenuto, precario presente senza passato e nemmeno futuro. L’analisi di Cosimo Cataleta

Pin It on Pinterest

Shares
Share This