Seleziona una pagina
Primavera in Lapponia: attimi di autenticità e pace

Primavera in Lapponia: attimi di autenticità e pace

La Finlandia è stata eletta da Travel Leisure and World of Wanderlust una delle migliori destinazioni nel 2017 per viaggiatori solitari. Inoltre è l’unico Paese europeo a figurare nella lista di Lonely Planet delle dieci migliori destinazioni al mondo del 2017.

Da un punto di vista economico, la Finlandia fatica a star dietro alle “stars” del Nord (Danimarca, Svezia e Norvegia) eppure, non ha nulla da invidiare ai Paesi Scandinavi in quanto a bellezza del territorio.

La Lapponia, in particolare, è un posto autentico e ospitale che celebra quotidianamente l’unione tra l’uomo e la natura.

Paesaggio Lapponia

Vi racconto di un posto speciale, Ivalo, un piccolo villaggio del comune di Inari, nella parte più a nord della Lapponia. Ivalo è una delle principali destinazioni  per chi vuole visitare la Lapponia, insieme a Levi, conosciuta per essere una buona località sciistica, e alla più famosa Rovaniemi, la sede del Papà di tutti i bambini: Santa Claus.

Ivalo è un grande villaggio in Lapponia: un aeroporto, due supermercati, qualche negozietto e due o tre bar e ristoranti in tutto. Quel che basta.

aeroporto ivalo Lapponia

L’areoporto di Ivalo

In questi luoghi, sembra che il Natale si viva tutto l’anno. Eppure, nonostante il bianco sia il colore predominante dell’anno, il decorrere delle stagioni muta i colori dei paesaggi così intensamente.

Siamo quasi ad Aprile. Le immense distese bianche sono interrotte da laghi, che dopo un lungo inverno di fermo, riprendono il loro corso naturale. Tutto intorno è silenzio, foresta di betulle e neve; pace e neve.

paesaggio lapponia

Non distante, si trova il villaggio di Inari, dove, quel giorno, come ogni anno, sarebbe avvenuto uno degli eventi più importanti per la comunità locale: la corsa delle renne. Si tratta di una competizione di due giorni, che vede sfidarsi adulti e bambini, anche piccolissimi, con le proprie renne in una corsa di due chilometri su scii. La corsa delle renne è alla 63esima edizione e attrae ogni anno sempre più gente. È il derby più atteso del circolo polare e c’è chi arriva da Helsinki o addirittura dal Belgio e l’Italia appositamente per assistervi.

corsa renne Inari Lapponia

Corsa delle renne a Inari

Tuttavia, non si tratta propriamente di un evento turistico e la sensazione che si ha, appena arrivati, è la stessa di quando si entra in casa di uno sconosciuto. Si prosegue con passo discreto e ci si guarda intorno per cercare di trarre da ogni singolo dettaglio un’ informazione in più sul posto e le persone che vi abitano.

Siamo nel vivo della competizione ma la gente non mostra un eccessivo entusiasmo. Il suono degli applausi ad ogni fine corsa fatica ad uscire dall’imbottitura dei guanti. Fa davvero freddo. Una donna arriva con suo figlio in passeggino e una renna al guinzaglio, come se stesse portando il suo cane a spasso.

renna al guinzaglio lapponia

Una donna tiene la sua renna al guinzaglio a Inari

La maggior parte della gente indossa cappelli ingombranti di vera pelliccia, abbinati a moderne giacche antivento e  scarpe di pelo fatte con pelle di renna. Le scarpe di renna, infatti, sono un simbolo di della popolazione locale, e che ci crediate o no rappresentano oggi un vero prodotto di design, realizzato completamente a mano.

Per chi giunge a Inari, una tappa obbligatoria, è la visita al Museo Siida, dedicato alla storia e le tradizioni della popolazione dei Sámi. I Sámi sono un popolo indigeno di origine nomade che occupa principalmente le terre al nord della Finlandia, contando circa 90000 abitanti, e della Svezia. Oggi è un popolo moderno e stanziale, che vive ancora di forti tradizioni come l’allevamento delle renne.

I Sámi sono l’unico popolo indigeno d’Europa. Se, come me, state pensando a quanto siano coraggiosi ad abitare le estreme terre del nord, allora dovreste saper che non sono gli unici: il Circolo Polare è abitato da 72 diverse etnie in totale, qui sotto elencate (in inglese).

etnie circolo polare artico

Oltre all’incontro con i Sámi, in Lapponia troverete una serie di abitudini autentiche e di attività curiose, dalle corse in motoslitta, o trainati dagli Huskies, alla pesca sul ghiaccio, hiking e per finire lo spettacolo mozzafiato dell’aurora boreale.

È importante ricordare che la Finlandia celebra quest’anno 100 anni di indipendenza dalla Russia, occasione che ha spinto la Norvegia, in un’iniziativa a dir poco singolare, a regalarle un picco delle sue montagne, nella località di Kåfjord.

bandiera finlandia lapponia

 

[Foto in evidenza di  Ferdinando Castaldo]

 

 

Pin It on Pinterest