Seleziona una pagina

La rivoluzione digitale apre a nuovi mondi e posti di lavoro. Dove? Nelle industrie culturali e creative

La parola “digitalizzazione” è ormai diventata una buzzword, che non appartiene più ad un futuro prossimo ma ad un presente che sta considerevolmente cambiando forma e aspetto. Intellettuali, professionisti e imprenditori, esperti e fanatici delle innovazioni tecnologiche dei nostri tempi, si incontrano in summit e conferenze di rilevanza mondiale per discutere e scambiare le proprie idee su temi come rivoluzione digitale, robotica, Big data, machine learning e tanti altri ancora. Da qui emerge la presenza di 4 settori che saranno investiti dalla digitalizzazione: settore contabile, turismo, moda ed educazione.

Rohan Silva, considerato uno dei personaggi più innovativi nella sfera globale, in un suo recente articolo invita con un pizzico di provocazione banchieri, contabili e agenti immobiliari a preoccuparsi del loro futuro, il quale sembrerebbe svanire nell’uragano della digitalizzazione. La tecnologia infatti rimpiazzerà molti dei cosiddetti white-collar jobs (lavori da impiegato) e specialmente settori come finanza e amministrazione sono già fortemente sotto pressione. Secondo Silva, una possibile conseguenza a questo forte cambiamento sarà il consolidarsi di nuovi lavori e ruoli nelle cossi dette industrie culturali e creative. Per chi abbia un concetto ancora sfumato, basti sapere che le industrie culturali e creative sono quelle che operano nei settori delle arti performative e visive, cinema, editoria, musica, pubblicità, radio, televisione e videogiochi, ma anche architettura, moda e design.

In Europa, questo mondo rappresenta oggi ben il 4,4% del PIL e il 3,8% della forza lavoro (Unioncamere, 2016). Tra le capitali europee, Londra si distingue come una tra le più innovative creative economy, le cui industrie generano quasi un posto di lavoro su sei su scala nazionale.

valore economico

In Italia, l’industria della cultura e della creatività contribuisce per il 2,9% al Pil e rappresenta il 4,5% della forza lavoro, contando quasi un milione di occupati (EY, 2014). Tra questi vi sono maggiormente giovani e donne.

In genere gli operatori in questo settore sono rappresentati dalle piccole e medie imprese, che sono solite essere più propense al rischio e quindi all’innovazione. Nonostante la crisi economica e finanziaria le industrie culturali e creative hanno continuato a creare reddito e posti di lavoro, generando nel 2014 un valore economico complessivo di 46,8 miliardi di euro (EY).

La potenzialità di queste industrie si scontra tuttavia con diverse problematiche legate al incertezza della domanda, piccola dimensione delle imprese e assenza di competenze manageriali specializzate. In genere, queste imprese sottocapitalizzate non godono di un equo accesso al finanziamento e di una giusta valutazione dei loro assetti immateriali, diversamente da quanto accade per le imprese puramente tecnologiche. immagine2Per non parlare della controversa questione sulla tutela del diritto d’autore. Per queste ragioni, le industrie culturali e creative hanno ancora difficoltà ad attrarre investimenti e talenti e a competere alla pari di altre industrie. A questo proposito, l’Unione Europea ha già avviato diversi programmi di finanziamento e ha stanziato per il periodo 2014-2020 una somma totale 1,8 miliardi di euro nel settore della creatività. Nel Libro verde (2010), documento ufficiale pubblicato dalla Commissione Europea in merito allo sviluppo e crescita di questo settore, si spiega come sia indispensabile creare nuove modalità di accesso e garanzia al finanziamento (anche sviluppando strumenti finanziari innovativi ad hoc).

È necessario creare un ponte tra il mondo della cultura e quello degli affari e della finanza. Parallelamente le industrie culturali e creative dovranno riunirsi in cluster e alimentare network volti a rafforzare la loro presenza nel settore economico sia a livello nazionale che internazionale. Non solo banche e investitori, ma l’intera comunità deve confrontarsi con l’elevato potenziale di queste industrie. In questo senso, formatori e istituzioni accademiche hanno un ruolo fondamentale nel promuovere una visione di sistema che valorizzi le industrie culturali e creative e le metta alla pari di altre industrie commerciali.

È importante, per esempio, che le Business Schools più all’avanguardia che tendono a concentrare e modellare l’offerta formativa in previsione di possibilità occupazionali in settori come quello bancario e della consulenza di grandi multinazionali, promuovano allo stesso modo la connessione tra gli studenti e il settore della creazione e della cultura. Dall’altra parte, gli indirizzi di studio artistici e umanistici devono puntare di più sulla formazione di competenze trasversali che riguardano i campi del management e dell’economia, del diritto e normativa in materia di copyright e diritto d’autore.

Mancano ancora dei precisi riferimenti per i giovani che vogliono intraprendere la loro carriera nel settore creativo. Per fortuna qualche segnale giunge dal faro del web. Recentemente è nata “The Dots”, una community online che si presenta come la versione più ricca e creativa di Linkedin. Il portale è volto a connettere infatti i professionisti nell’ambito creativo con potenziali collaboratori e aziende commerciali. Un altro esempio è Crebs.it, un sito online che raccoglie le offerte di lavoro destinate a creativi, pubblicitari, developer, start up e altri ancora. Dal mondo imprenditoriale, invece, mi piace segnalare “Book a street artist”. Nata nelle vesti di una start up tra Berlino e Lisbona, “Book a street artist” è una piattaforma online che facilita la connessione di privati e imprese commerciali con artisti di strada ma non solo. Così un’ azienda che apre un nuovo store, intende rinnovare gli uffici o festeggia un particolare evento può facilmente entrare in contatto, tra una serie di proposte, con artisti e opere che più si adattano al caso.

E’ così probabile finalmente che stiano maturando i giusti presupposti per il fiorire delle industria culturale e creativa in Europa, Italia compresa. Ma perché ciò accada, occorrerà convogliare le energie dei giovani studenti in questo settore e guardare alla rivoluzione digitale non come una minaccia, ma come straordinaria occasione di rilancio della forza lavoro.

Il settore della cultura e della creatività valorizza e scommette sul capitale umano, concorrendo così a formare una società basata più sulla coscienza e sulla conoscenza. La rivoluzione è pronta a partire. Io voglio farne parte.

E tu?

immagine3

 

Author: Michela Paolicelli

Sono Laureata in Economia Aziendale all’Università L. Bocconi di Milano, vivo a Lisbona per caso e per fortuna, dove frequento un Master in Management e coltivo il mio interesse per arte e cultura.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Share This

Share this post with your friends!