Seleziona una pagina
Il caso Weinstein e la piaga del sessismo

Il caso Weinstein e la piaga del sessismo

Il caso Weinstein ha raggiunto anche l’Italia e, ovviamente, come sempre, il dibattito riesce a focalizzare il punto della questione ed a suscitare riflessioni di grande importanza. O forse no…

Ma prima, per chi non fosse al corrente della faccenda: Harvey Weinstein è un produttore cinematografico statunitense, fondatore, insieme a suo fratello Bob, della Miramax, e famoso per aver contribuito alla fama di molte pellicole di successo, come Pulp Fiction, Clerks o Shakespeare in Love. Di recente, un articolo del New York Times ha aperto il vaso di Pandora, accusandolo di aver richiesto favori sessuali ad alcune attrici hollywoodiane in cambio di avanzamenti di carriera.

Per tornare all’Italia, il caso si è imposto all’attenzione pubblica quando alle accuse delle attrici summenzionate si è aggiunta quella di Asia Argento e, soprattutto, in seguito ad un editoriale di Renato Farina su Libero. La tesi dell’autore è la seguente: ciò che è successo non è stupro, ma prostituzione, le donne in questione avrebbero potuto accogliere o respingere le avances, e là fuori è pieno di signore che hanno scelto di non piegarsi ai ricatti del produttore. Il problema è che questa tipologia di ragionamento si schiera, ancora e sempre, contro le vittime (poco importa, in questo caso, se di stupro, di proposte indecenti o di un sistema corrotto) e a fianco del carnefice. Il problema è che «buttare in pasto al giudizio pubblico la scena che inizia dalla porta della stanza d’hotel e stopparla ai fazzolettini nel cestino subito dopo», ignorando il contesto e le dinamiche di potere, contribuisce a polarizzare una situazione in cui le donne sono e devono essere costrette a scegliere tra il diventare prostitute e il diventare martiri (è facile per ognuno affermare da dietro uno schermo che si avrebbe il coraggio e la forza di volontà di rinunciare ai propri sogni e di non cedere all’estorsione).

Il problema è, ancora, che, nascondendosi dietro affermazioni a cui è facile dare l’assenso in teoria (perché è vero che ogni adulto è responsabile delle proprie azioni, ed è vero che nessuno è costretto a ricambiare un ruolo in un film con una prestazione sessuale), questa linea di pensiero fa scivolare sottopelle il messaggio che alla fine è colpa loro, che, sì, lui è un maiale, ma che ci vuoi fare?, Il mondo dello spettacolo è così. Tra parentesi, quando è un uomo ad essere molestato, le argomentazioni messe in campo sono le stesse? Non credo, e penso che pochi in questo caso si sogneranno di accusare Terry Crews di essere un gigolò.

Un altro punto fermo nelle trattazioni di questi temi è appunto la tendenza a circoscrivere il sessismo e le violenze di genere a certi ambienti o a certi gruppi soltanto. Riguardo ancora al caso Weinstein, infatti, molti opinionisti si chiedono come mai questo polverone sia stato alzato solamente ora, visto che si sa già da molti anni che di vicende simili il mondo dello spettacolo è costellato: la reazione è, più o meno, “embé? Non è una novità”. Tuttavia, per quanto questa affermazione sia vera e per quanto sia giusto condannare dinamiche simili, il concentrarsi esclusivamente sull’ambiente mediatico rischia di comportare un oblio del fenomeno nel suo complesso e delle tendenze che coinvolgono la società intera. Perché il mondo dello spettacolo non è una bolla sospesa nel vuoto, ma vi partecipano persone che condividono usi e costumi con tutti gli altri, e i messaggi che vi si trasmettono sono quasi sempre quelli a cui il pubblico è già assuefatto: basta prendere in considerazione due esempi, il servizio sulle donne dell’est del programma Parliamone Sabato e lo “scherzo” ad Emma Marrone durante la trasmissione Amici. Questi episodi sono paradigmatici di una propensione a trattare le donne alla stregua di oggetti e a giustificare apprezzamenti e soprusi che è ancora fin troppo diffusa.

Una studentessa di Amsterdam ha lanciato una campagna su Instagram per denunciare la diffusione delle molestie; è interessante notare le fotografie che la ragazza ha scattato insieme agli uomini coinvolti, la maggior parte dei quali sembra assolutamente convinta di non aver fatto nulla di male. Atteggiamenti simili non sono casi isolati, sono anzi sintomi di una malattia che è ben lungi dall’essere completamente debellata, e che colpisce la società nel suo complesso, al di là delle sue divisioni in Oriente e Occidente. Per questo motivo è paradossale la tendenza a voler strumentalizzare le violenze sessuali con l’obiettivo di portare acqua al proprio mulino. È, tuttavia, quanto accaduto in seguito alle vicende di Rimini e Firenze: l’esecrabile scontro si è svolto tra lo schieramento di quanti pretendevano di ravvisare una qualche natura intrinsecamente violenta dei “neri” e lo schieramento di quanti volevano invece dimostrare che lo stupro non è prerogativa degli stranieri, ma può essere commesso anche da due carabinieri bianchi e italiani.

Per quanto questa seconda compagine muova da premesse giuste, essa ha perso l’occasione di ribadire con forza che la violenza è sempre violenza, a prescindere da chi la compie, e che non esistono stupri di serie A e stupri di serie B; si è lasciata invece coinvolgere in un botta e risposta a suon di dati e statistiche, teso a scoprire se stuprino di più gli italiani o gli stranieri. Nel frattempo, le vittime che avevano subito le violenze venivano relegate sullo sfondo, il loro stato d’animo e le ripercussioni sulla loro persona non venivano minimamente prese in considerazione (per non parlare dei tentativi di attribuire parte della colpa alle vittime stesse, anche attraverso la diffusione di informazioni false, come quella secondo la quale le due studentesse statunitensi coinvolte nei fatti di Firenze fossero assicurate contro lo stupro).

La donna diventa quindi quasi una res extensa, una materia che accoglie passivamente ciò che proviene dall’esterno. Ella è incapace di autodeterminarsi, di costruire da sé il proprio essere persona e di trovare il proprio ruolo all’interno della società; deve, invece, piegarsi all’adempimento di quei compiti che vengono supposti come tradizionalmente o naturalmente femminili. È indecoroso osservare che anche un organo come il Ministero della Salute si sottomette a questa logica: anche postulando la buona fede del Ministero, la campagna per il Fertility Day ha finito per trasmettere un messaggio ben preciso: per realizzarti come donna devi fare figli.

Quanto ho cercato di mostrare è che, fermi restando gli innegabili progressi e plaudendo alle condizioni più favorevoli che le donne sono riuscite a conquistarsi, è ancora assai diffuso un atteggiamento patriarcale e sessista che mira a identificare il
sesso femminile con una riproduzione artificiale di esso: la donna può essere subdola e meschina, disposta a ingannare e sedurre per raggiungere i suoi scopi (punto di vista riscontrabile nelle discussioni sul caso Weinstein o nella storia delle studentesse e dell’assicurazione contro lo stupro), ma può anche essere una donzella di romantica memoria, una preda da cacciare, e, anche s’ella dice no, non è mai un no risoluto, poiché vuole farsi conquistare. Quest’idea fa capolino ogni volta che atteggiamenti ambigui o sensuali vengono interpretati come un via libera e ogni volta che si ritiene che un abbigliamento provocante costituisca un invito ad allungare le mani.

La consapevolezza del progresso ed il successo di molte battaglie femministe non possono farci abbassare la guardia: occorre esercitare la capacità critica ed individuare il sessismo ogni volta che esso si presenta, perché, con il raggiungimento di uno stato migliore, si corre sempre anche il rischio che problemi esistenti vengano ignorati o minimizzati. Programmi televisi come The Big Bang Theory poggiano su una misoginia di fondo e ci permettiamo di lasciar correre le innumerevoli affermazioni misogine di Trump come se fossero delle battute, trasformando il Presidente degli Stati Uniti in una sorta di personaggio da sitcom. Ma, come affermato precedentemente, questi sono indicatori di un sentimento che è ancora ben radicato nella nostra Weltanschauung, che ci coinvolge anima e corpo e con cui dobbiamo fare i conti, avendo come obiettivo il suo totale sradicamento.

Di Adrian Rusu

Perché così tanti monumenti fascisti sono rimasti in Italia?

Perché così tanti monumenti fascisti sono rimasti in Italia?

[In copertina: Palazzo della Civiltà Italiana o Colosseo quadrato. Fonte qui]

Alla fine degli anni trenta, mentre Benito Mussolini si preparava ad ospitare a Roma la Fiera del Mondo prevista per il 1942, supervisionava la costruzione del nuovo quartiere, Esposizione Universale Roma, a sud-ovest della città, per mostrare la rinvigorita grandezza imperiale d’Italia. Il fiore all’occhiello era il Palazzo della Civiltà Italiana, una prodigiosa meraviglia rettangolare formato da archi astratti sulle facciate e una fila di statue neoclassiche che fiancheggiano la base. Successivamente la fiera fu annullata per colpa della guerra, ma il palazzo, noto proprio come Colosseo Quadrato, esiste ancora oggi con all’esterno ancora incisa una frase del discorso di Mussolini, quando nel 1935, annunciando l’invasione dell’Etiopia, descrisse gli italiani come “un popolo di poeti, artisti, eroi, santi, pensatori, scienziati, navigatori e trasmutanti”. L’invasione, e la sanguinosa occupazione che seguirono, portarono ad accuse di crimini di guerra contro il governo italiano. L’edificio, in altre parole, è una reliquia dell’aggressività fascista. Eppure, lungi dall’essere ostracizzato, l’edificio è diventato un’icona del modernismo. Nel 2004 l’Italia l’ha riconosciuto come sito di “interesse culturale” mentre nel 2010 è stato completato un restauro parziale, e cinque anni dopo la Fendi l’ha utilizzato come base amministrativa.

L’Italia, primo stato fascista, ha avuto un lungo rapporto con la politica di destra; con l’elezione di Silvio Berlusconi nel 1994 il Paese portò per primo al potere un partito neofascista, come parte della coalizione di centro-destra di Berlusconi. Ma questo da solo non è sufficiente a spiegare la comodità degli italiani con la vita in mezzo  a simboli fascisti. Dopo tutto, l’Italia è stata la dimora della più grande resistenza antifascista dell’Europa occidentale e del suo partito comunista più robusto del dopoguerra. Fino al 2008, le coalizioni di centro-sinistra hanno mantenuto tale eredità, spesso ottenendo più del 40% del voto nelle elezioni. Allora, perché se gli Stati Uniti si sono impegnati in un contenzioso processo di smantellamento dei monumenti legati al suo passato confederato e la Francia si è liberata di tutte le strade chiamate dopo il leader nazionalista di collaborazione Marshall Pétain, l’Italia ha lasciato che i suoi monumenti fascisti sopravvivessero senza problemi?

Il gran numero di queste reliquie è una prima ragione. Quando Mussolini è entrato al potere, nel 1922, guidava un nuovo movimento in un Paese con un terribile patrimonio culturale e sapeva che aveva bisogno di una moltitudine di segni per imprimere l’ideologia fascista sul paesaggio. Progetti pubblici, come il complesso sportivo Foro Mussolini a Roma, dovevano competere con quelli dei Medici e del Vaticano, mentre la figura del Duce, sorvegliava gli italiani sotto forma di statue, fotografie in uffici, poster alle fermate del tram, e perfino le stampe su costumi da bagno. Era facile sentire, come fece Italo Calvino, che il fascismo aveva colonizzato il regno pubblico italiano. “Ho trascorso i primi venti anni della mia vita con il volto di Mussolini sempre in vista”, ha ricordato lo scrittore.

In Germania, una legge promulgata nel 1949 contro l’apologia del nazismo, che vietava i saluti di Hitler e altri riti pubblici, facilitava la soppressione dei simboli del Terzo Reich. L’Italia non ha subito alcun programma comparabile di re-educazione. Sbarazzarsi di migliaia di memoriali fascisti sarebbe stato impraticabile e politicamente imprudente per le forze alleate che avevano la priorità di stabilizzare il Paese e limitare il potere crescente del partito comunista. Dopo la guerra, i bollettini e le relazioni della commissione di controllo alleata raccomandavano di distruggere solo i monumenti e le decorazioni più ovvie e non estetiche, come i busti di Mussolini; il resto potrebbe essere spostato nei musei o semplicemente essere coperto di stoffa e compensato. Questo approccio ha posto un precedente. La Legge di Scelba del 1953 è stata progettata per bloccare la ricostituzione del Partito fascista ed è stata notevolmente vaga su tutto il resto. Il blocco cristiano-democratico dominante, che comprendeva molti ex fascisti, non ha visto l’abbondante eredità del regime come un problema e pertanto non è mai stata istituita una politica che fosse più pro attiva.

Ciò significa che, quando Berlusconi ha portato al potere il Movimento Sociale Italiano, la sua riabilitazione del fascismo è stata aiutata dall’esistenza di luoghi di pellegrinaggio e monumenti. Il più notevole è stato Predappio, luogo di nascita di Mussolini, dove si trova la sua cripta di sepoltura e dove i negozi vendono camicie fasciste e naziste e altre mercanzie. La Legge Mancino, passata nel 1993, aveva risposto a questa “rinascita! della destra sanzionando la propagazione dell’odio razziale ed etnico, ma fu applicata in modo non uniforme. Vivevo a Roma in occasione di una borsa Fulbright nel 1994, e sono rimasta sveglia più di una volta dalle grida di “Heil Hitler” e “Viva il Duce!” Proveniente da un pub vicino.

Per quanto ne so, il fatto che Berlusconi abbia preso il potere a più riprese ha fatto sì che siti come Predappio crescessero in popolarità e che i conservatori di tutti i partiti politici abbiano forgiato alleanze con il diritto di salvare i monumenti fascisti, che sono stati sempre più considerati parte integrante del patrimonio culturale italiano. Il Foro Mussolini, come il “Colosseo quadrato”, è un soggetto di particolare ammirazione. Nel 2014, Matteo Renzi, primo ministro di centro-sinistra, ha annunciato la candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2024 proprio all’interno del complesso, ora noto come il Foro Italico, davanti a “l’Apoteosi del Fascismo”, un dipinto coperto dagli Alleati nel 1944, perché rappresenta il Duce come figura divina. Sarebbe difficile immaginare che Angela Merkel fosse in piedi davanti a un dipinto di Hitler in un’occasione simile.

Negli ultimi anni, ci sono stati alcuni sforzi fermi per esaminare il rapporto italiano con i simboli fascisti. Nel 2012, Ettore Viri, sindaco di destra di Affile, ha incluso un memoriale al generale Rodolfo Graziani, un collaboratore nazista e un criminale di guerra accusato, in un parco costruito con fondi approvati dal governo regionale a sinistra. Dopo una audizione pubblica, il governo ha annullato i fondi. Recentemente, Viri è stato accusato di apologia fascista, ma il memoriale resta al suo posto.

A Predappio è in costruzione un nuovo Museo de Fascismo. Alcuni vedono il museo, che è costruito sul modello del Centro Documentazione di Monaco di Baviera per la Storia del nazionalsocialismo, come un esercizio molto necessario nell’istruzione pubblica. (Nel 2016 ero membro del comitato internazionale di storici che si è riunito in Italia per valutare il progetto.) Altri temono che la sua posizione nella città di Mussolini significhi alimentare ulteriormente la nostalgia. Laura Boldrini, presidente della Camera, ha lottato per la rimozione dei più famosi monumenti fascisti. La sua proposta, nel 2015, di togliere un’iscrizione del nome di Mussolini dall’obelisco di Foro Italico, suscitò l’opinione che un “capolavoro” sarebbe stato sfregiato.

La Boldrini ha spesso messo in evidenza la messa al bando dei simboli nazisti in Germania come esempio per l’Italia da seguire. Ma anche quel modello potrebbe essere presto testato. In una forte vittoria nelle elezioni del 24 settembre, l’Alternativa per la Germania (AfD) è diventata il primo partito di destra a vincere dei seggi nel parlamento tedesco dal 1945. La destra in Germania, priva del beneficio di monumenti pubblici emotivamente impegnati, ha organizzato i suoi incontri intorno ad eventi marginali come i concerti di musica “rock di destra”. Tuttavia, negli eventi dell’AfD, come la marcia tenutasi a nei primi di Settembre a Jena, i canti nazisti hanno cominciato a risentirsi. E, a meno che il partito non prenda una linea dura contro i simboli nazisti, è solo una questione di tempo affinché anche i simboli riappaiano. In Italia, dove non sono mai andati via, il rischio è diverso: se i monumenti vengono trattati semplicemente come oggetti estetici depoliticizzati, allora l’estrema destra può sfruttarne l’ideologia brutale mentre tutti gli altri finiscono per abituarsene. Ci si chiede se i dipendenti di Fendi si preoccupino delle origini fasciste del Palazzo della Civiltà Italiana quando arrivano al lavoro ogni mattina, mentre i loro tacchi calpestano pavimenti in travertino e marmo, i materiali preferiti del regime. Come disse una volta Rosalia Vittorini, capo dell’organizzazione per la conservazione dell’architettura moderna docomomo, quando le si si chiedeva come si sentono gli italiani a vivere tra le reliquie della dittatura: “Perché secondo te dovrebbero pensarci?”


[Traduzione dall’originale: Why Are So Many Fascist Monuments Still Standing in Italy? di Ruth Ben-Ghiat per “The New Yorker” Fonte qui]

Canosa, se l’antipolitica è chiamata a far politica

Canosa, se l’antipolitica è chiamata a far politica

Fonte immagine: CanosaLive.com

Sarà per colpa del suo tipico modus operandi oppure per la difficoltà nell’aprirsi al resto degli schieramenti politici classici, eppure anche a Canosa c’è una forza centripeta che circonda il Movimento 5 Stelle e lo pone al centro di polemiche e contestazioni.

La prima seduta del nuovo consiglio comunale, seppur con le dovute precauzioni diplomatiche, non si è svolta serenamente. Nell’aula consiliare arieggiava l’atteggiamento di sfida tra la maggioranza pentastellata e le forze politiche d’opposizione. E non solo, dato che i canosini venuti ad assistere alla prima seduta si sentivano coinvolti ad applaudire o disapprovare con frasi di sdegno i singoli interventi dei consiglieri.

Quasi come una lotta tra il bene e il male.

Appena cominciata la seduta i due consiglieri più anziani (di esperienza) Francesco Ventola e Mariangela Petroni, entrambi di Direzione Italia, hanno rifiutato l’incarico di presiedere la seduta in segno di protesta alle ingiurie e alle pesanti accuse ricevute durante la campagna elettorale proprio dal Movimento 5 Stelle.

Ma la miccia del vero scontro è stata quella sollevata dallo “spoiler” del giornalista di Telesveva Roberto Straniero che nel suo servizio sull’insediamento della nuova amministrazione comunale ha riportato oltre alla lista delle 5 nomine degli assessorati anche la decisione del Movimento 5 Stelle di voler nominare Antonio Marzullo come Presidente del Consiglio comunale, eletto poi quasi esclusivamente dai consiglieri della maggioranza dato che quasi tutta l’opposizione ha consegnato scheda bianca o si è astenuta nonostante le esortazioni a votare dai 5 Stelle.

 

Che sia proprio questo il motivo di quell’atmosfera strana e di quelle facce adirate tra gli esponenti dell’opposizione? Pare che, l’aver appreso dal sevizio di Telesveva, e non da un confronto come si aspettavano le forze politiche dell’opposizione che la maggioranza aveva già deciso unilateralmente a chi assegnare quell’incarico abbia disturbato parecchio i consiglieri dell’opposizione.

La consigliera Nadia Landolfi prima, e più aspramente Giovanni Patruno poihanno sollevato la questione prima della votazione. Entrambi hanno criticato la decisione della maggioranza pentastellata, rea di aver escluso i consiglieri dell’opposizione dalla decisione e dal confronto per la scelta in merito alla carica.

Per la consigliera Landolfi, il presidente del consiglio comunale, come primus inter pares (primo tra pari), è il rappresentante dell’intero consiglio e non può essere eletto unilateralmente senza un confronto seguito da un percorso democratico. Nella retorica del sindaco Morra, è invece il risultato dell’elezione a scrutinio segreto dei consiglieri a sancire democraticamente la carica bypassando inutili discussioni esterne all’aula.

Nella secca replica di Massimo Lovino alla Landolfi è venuta fuori una critica ai metodi delle precedenti amministrazioni che si accordavano per assegnare questa carica specificando che il loro gruppo è impermeabile a questo modo di fare.

Seppur legittima, la decisione della maggioranza di nominare un presidente del consiglio, come prevede il sistema democratico e come è accaduto anche per la precedente amministrazione La Salvia che elesse Di Fazio, lascia un tantino perplessi. Sarebbe opportuno che questo tipo di decisioni siano apertamente manifestate nelle sedi competenti, anche come segno di apertura ad una collaborazione prolifica e che combaci con il volere dell’elettorato. È inoltre importante evitare che questo tipo di battibecco si sposti sulla banale “retorica delle poltrone” e sulla gara del più bravo cittadino fra tutti.

“L’elezione del presidente del consiglio comunale – come ha anche detto in un successivo servizio Roberto Straniero – è il biglietto da visita dell’amministrazione entrante, quando tale elezione diventa difficoltosa o mancano dei voti significa che la consiliatura inizia male”

Se l’amministrazione sarà all’altezza del suo incarico potremo solo saperlo durante il prossimo lustro. E’ ancora presto per criticare il lavoro del sindaco Morra, ma le prime impressioni lascerebbero presagire ad uno scontro futuro con le opposizioni, già partite sul piede di guerra.

L’auspicio è che il Movimento 5 Stelle ricordi ciò per cui è stato eletto: amministrare la città nel presente e nel futuro. Tutto il resto, comprese le considerazioni politiche sulle precedenti amministrazioni, conta ben poco, ed interessa probabilmente solo a giornalisti ed “addetti ai lavori”. I cittadini hanno invece bisogno di guardare al presente e al futuro. Conteranno i risultati e non le gare di dialettica. Nelle seconde, il M5s non ha mai mancato di mostrare la propria forza. Ed a ben vedere, trattasi di vivace forza insita nell’antipolitica, la cui retorica pare elettoralmente funzionare. Saper amministrare è tuttavia qualcosa di diverso, poiché trasporta quell’antipolitica nella vera politica. Quella dei fatti.

con la collaborazione di: Cosimo Cataleta

Perché l’Italia è stata risparmiata dal terrorismo?

Perché l’Italia è stata risparmiata dal terrorismo?

[In copertina: polizia italiana esegue controlli alle porte del Vaticano. Fonte: theguardian.com]

Secondo gli esperti l’Italia ha imparato delle lezioni importanti dal nucleo antimafia. Lezioni basate su sorveglianza ed espulsione che oggi le consentono di comprendere e gestire al meglio i pericoli della radicalizzazione in carcere

Tutte le volte che Youssef Zaghba atterrava a Bologna, c’era qualcuno stava ad aspettarlo appena sceso dal volo. In Italia non era di certo un segreto che il 22enne italiano di origine marocchina, identificato come uno dei tre terroristi dell’attacco del London Bridge, fosse sotto stretta sorveglianza.

“Parlavano ogni volta con lui in aeroporto. Poi, durante il suo soggiorno, gli agenti di polizia venivano un paio di volte al giorno per tenerlo sotto controllo” ha dichiarato in un’intervista al Guardian, Valeria Collina, sua madre. “Erano sempre gentili con Youssef. Gli dicevano: “Ehi figliolo, aggiornaci su cosa hai fatto ultimamente. Facci sapere cosa fai o come stai”

Nelle settimane che seguirono l’attacco, il caso di Zaghba mise in luce le differenze tra come Italia e Regno Unito trattano i presunti terroristi. Dal suo arrivo a Londra, la madre di Zaghba ha detto che suo figlio non è stato mai fermato ne tanto meno interrogato in aeroporto, nonostante il fatto che i funzionari italiani avessero messo in guardia i loro omologhi britannici della sua potenziale minaccia.

Franco Gabrielli, capo della polizia italiana, ha parlato dell’impegno ottemperato dall’Italia nell’avvisare le autorità del Regno Unito: “La nostra coscienza è chiara”. Scotland Yard, a sua volta, ha risposto che Zaghba “non è oggetto di interesse per la polizia o il MI5 (Military Intelligence Sezione 5, è l’ente per la sicurezza e il controspionaggio britannico n.d.t.).

L’Italia ha già avuto la sua quota di violenza politica negli ultimi decenni, tra cui l’omicidio di due giudici antimafia di primo piano nel 1990. Ma a differenza di quasi tutti i suoi grandi vicini europei ma non è vittima di nessun grande attacco terroristico dal 1980.

Si tratta solo di fortuna tutta italiana? O sarà per le politiche antiterrorismo del paese – sviluppato col tempo dalla polizia antimafia, dal lavoro dell’intelligence e dopo il decennio di violenza politica sanguinosa degli anni ’70 – che hanno consentito ai funzionari italiani un vantaggio nell’era dell’ISIS? O ci sono altri fattori in gioco?

“La differenza principale è che l’Italia non ha una grande popolazione di immigrati di seconda generazione che si sono radicalizzati o che potenzialmente potrebbero radicalizzarsi”, secondo Francesca Galli, assistente professore presso l’Università di Maastricht ed esperta di politiche antiterrorismo.

Per Galli bastano circa 20 persone per tenere sotto osservazione a tempo pieno un presunto terrorista, ma, naturalmente, se i soggetti da monitorare aumentano anche nell’abbondanza di risorse l’attività si può complicare.

I due recenti incidenti – il caso di Zaghba, e l’altro incidente non fatale a Milano in cui un militare e un poliziotto sono stati accoltellati da un ragazzo italiano figlio di un nordafricano – indicano una sostanziale differenza delle minacce che potrebbero colpire il Paese. Ma Galli dice inoltre che in generale la polizia italiana e le forze anti-terrorismo non hanno a che fare con lo stesso numero enorme di persone che potenzialmente sono a rischio di radicalizzazione in Francia, Belgio e Regno Unito.

Questo non vuol dire che l’Italia sfugge alle attività terroristiche. Anis Amri, il tunisino che ha attaccò i mercatini di Natale a Berlino, a cui è stato sparato dalla polizia nella periferia di Milano, si sarebbe radicalizzato in un carcere in Sicilia. Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, la tunisina dietro l’attacco mortale a Nizza lo scorso anno, è stata identificata dalla polizia italiana dopo aver trascorso del tempo nella città di confine di Ventimiglia.

Alcuni esperti dicono che l’Italia è stata in grado di combattere la minaccia ISIS interna attraverso i controlli e le abilità che la polizia ha sviluppato in anni di indagini sulla mafia, maturati a loro volta dagli “anni di piombo” – il periodo compreso tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’80 segnato da atti di terrorismo politico da parte dei militanti estremisti di sinistra e destra.

Secondo i dati diffusi dal Ministero dell’Interno italiano, le autorità anti-terrorismo hanno fermato e interrogato 160,593 persone tra marzo 2016 a marzo 2017. Ne sono stati controllati circa 34.000 negli aeroporti e circa 550 presunti terroristi sono stati arrestati, mentre 38 sono stati condannati con l’accusa di terrorismo. Più di 500 siti web sono stati chiusi e quasi mezzo milione sono monitorati.

Giampiero Massolo, che ha lavorato come direttore dell’intelligence italiana nel periodo 2012-2016, ha detto che non c’era una particolare “strategia all’italiana” per combattere il terrorismo.

“Abbiamo imparato tanto dalla dura lezione dei nostri anni di terrorismo”, ha detto. “Abbiamo imparato con l’esperienza, quanto sia importante mantenere un dialogo costante a livello operativo tra le forze di intelligence e di polizia. In realtà, la prevenzione è la chiave per cercare di essere efficace nella lotta al terrorismo.”

Ha aggiunto: “Un’altra caratteristica è quella di avere un buon controllo del territorio. Da questo punto di vista, l’assenza di banlieues [francesi] come macchie nelle principali città italiane, e… [la predominanza] di piccoli e medi centri urbani rende più facile monitorare la situazione.”

Ci sono anche pratiche più specifiche. Arturo Varvelli, senior research ed esperto di terrorismo presso il thinktank Ispi, ha detto che la mancanza di seconda e terza generazione di italiani suscettibile alla propaganda dell’ISIS si traduce con più autorità focalizzata sugli extracomunitari, che per primi potrebbero essere condizionati dalle prime avvisaglie per quanto riguarda lo Stato Islamico. Da gennaio, infatti, 135 individui sono stati espulsi.

Le autorità italiane si basano anche sulle intercettazioni telefoniche, che a differenza del Regno Unito possono essere utilizzate come prove in tribunale e – in casi di mafia e terrorismo – possono essere ottenuti sulla base di attività sospette e prove non solide.

Proprio come la lotta contro la criminalità organizzata italiana – la camorra intorno a Napoli, Cosa Nostra in Sicilia, e la ‘ndrangheta nel sud – infiltrarsi e smantellare le reti terroristiche, occorre eliminare stretti rapporti sociali e persino familiari.

Secondo i dati diffusi dal ministero degli interni italiano, le autorità anti-terrorismo fermati e interrogati 160,593 persone tra marzo 2016 al marzo 2017. Si sono fermati e interrogati circa 34.000 negli aeroporti e ha arrestato circa 550 presunti terroristi, e 38 sono stati condannati con l’accusa di terrorismo. Più di 500 siti web sono stati chiusi e quasi mezzo milione sono sotto osservazione.

Giampiero Massolo, che ha lavorato come direttore dell’intelligence italiana 2012-2016, ha detto che non c’era un particolare “italian way” per combattere il terrorismo.

“Abbiamo imparato molto duramente la lezione durante i nostri anni di terrorismo”, ha detto. “Al punto che abbiamo fatto tesoro di quanto sia importante mantenere un dialogo costante a livello operativo tra l’intelligence e la polizia. In realtà, la prevenzione è la chiave per cercare di essere efficace nella lotta al terrorismo.”

Ha aggiunto: “Un’altra caratteristica è quella di avere un buon controllo del territorio. Sotto certi aspetti, l’assenza di banlieues [francesi] a macchia nelle principali città italiane, e… [la prevalenza] di piccoli e medi centri urbani facilita il monitoraggio.”

Ci sono anche pratiche più specifiche. Arturo Varvelli, ricercatore ed esperto di terrorismo del thinktank Ispi, ha detto che la mancanza di una seconda e terza generazione di italiani più suscettibile alla propaganda Daesh permette alle autorità di focalizzarsi sugli stranieri, che potrebbero essere espulsi ai primi segnali. Da gennaio, 135 individui sono stati espulsi.

Le autorità italiane possono contare anche sulle intercettazioni telefoniche, che a differenza del Regno Unito possono essere utilizzati come prove in tribunale e – come in casi di mafia e terrorismo – si possono effettuare sulla base di attività sospette e mancanza di prove solide.

Proprio come la lotta contro la criminalità organizzata italiana – la Camorra nel napoletano, Cosa Nostra in Sicilia, e la ‘ndrangheta in Calabria – per infiltrarsi e smantellare le reti terroristiche, bisogna eliminare i rapporti sociali più stretti e persino quelli familiari.

Le persone sospettate di essere jihadisti tendono a interrompere la cooperazione con le autorità italiane, che fanno uso di permessi di soggiorno e altri incentivi, secondo Galli. È stato riconosciuto, inoltre, il pericolo di trattenere i presunti terroristi in carcere, dove, proprio come boss mafiosi prima di loro, il carcere è visto come territorio privilegiato per il reclutamento e il networking.

“Pensiamo di aver sviluppato molta esperienza su come trattare una rete criminale. Abbiamo un sacco di agenti in borghese che fanno un grande lavoro di intercettazione e comunicazione”.

Mentre le autorità italiane sono percepite come aventi ampi poteri, in realtà, la polizia non ha poteri speciali per detenere i presunti terroristi senza accusa. Questi possono essere detenuti per un massimo di quattro giorni senza alcuna accusa, proprio come qualsiasi altro sospetto. Tuttavia, l’Italia è stata criticata dalla Corte europea dei diritti umani per aver trattenuto gli imputati troppo tempo per l’attesa di giudizio dopo le accuse.

Galli dice che non ci sono preoccupazioni sul fatto che le tattiche italiane possano aver violato le libertà civili. L’ampio uso di sorveglianza – compresa le intercettatazioni – è visto come uno strumento sufficientemente mirato ai sospetti terroristi e mafiosi, a differenza delle critiche dell’opinione pubblica in Italia dei metodi di raccolta dati negli Stati Uniti e nel Regno Unito.


[Traduzione e sintesi di Roberto Del Latte. Articolo originale di Stephanie Kirchgaessner per il The Guardian qui ]

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cronache dei Figli Cambiati

La risorsa strategica del TAP

La risorsa strategica del TAP

Il Trans-Adriatic Pipeline, conosciuto come TAP, è la parte finale del progetto del Corridoio Meridionale del Gas che perforerà le coste salentine. Questo progetto è oggi al centro di contestazioni e accuse di sindrome di NIMBY (not in my backyards – non nel mio cortile) a causa dell’inevitabile espiantamento temporaneo degli ulivi secolari in Salento necessario per l’approdo e la connessione con l’Hub brindisino della rete nazionale, un tema delicato per la società civile se si pensa al problema xylella che ha colpito la regione.

Mappa Tap

Il progetto fa parte del Corridoio Meridionale del Gas che farà approdare 10 miliardi di metri cubi annui circa da fine 2020; il gas dal giacimento azero Shah Deniz 2 consta di tre gasdotti:

  • SCPX, che dall’Azerbaigian attraversa il Caucaso Meridionale fino all’ingresso georgiano in Turchia;
  • TANAP, che attraversa l’Anatolia turca fino al confine greco;

TAP, che dalla Grecia percorrerà 211 km dell’Albania meridionale fino a tuffarsi nell’Adriatico e raggiungere l’Italia. Dal terminale di ricezione (PRT) tra i comuni di Vernole e Melendugno si allaccerà alla rete nazionale di Snam rete Gas a Mesagne (Brindisi).

tap

Per l’UE è considerato uno dei progetti di iinteresse comunitario (PIC) incluso nel Terzo Pacchetto Energia per tre precise ragioni:

  • per diversificare le fonti di approvvigionamento;
  • per una maggiore indipendenza dalla Russia, a cui l’UE è strutturalmente legata per 1/3 delle importazioni (secondo la rivista dell’azienda russa Gazprom “Blue Fuel”);
  • per creare un sistema energetico continentale aspirando a migliorare la sicurezza energetica e la connessione tra i mercati dove l’energia possa viaggiare liberamente tra i confini a prezzi competitivi.

Tap

Per comprendere l’importanza geostrategica della struttura e l’evidente funzione anti-russa nel risiko del gas è bene avere sottomano una cartina geografica dell’area.

Secondo l’analisi di Limes un corridoio dal sud è stato sostenuto da USA e UE fin dagli anni Novanta. L’intenzione era di liberare le risorse caspiche dalla dipendenza infrastrutturale post-sovietica per ridurre l’influenza russa nell’area e la dipendenza europea dal gas di Mosca.

Negli anni successivi le ambizioni di indipendenza volevano concretizzarsi nei concorrenti progetti Nabucco (che avrebbe traghettato le risorse caspiche verso l’Austria) e TAP. Solo il secondo è risultato più economico e meno ambizioso. Oggi l’obiettivo di sottrarre alla Russia la possibilità di creare un legame stabile e duraturo con le politiche energetiche girerebbe intorno all’intenzione di iimpedire alla potenza eurasiatica un eccessivo rafforzamento della sua presenza in Medio Oriente (Iran, Iraq e Siria compresi) e quindi sul Mediterraneo.

Ma se consideriamo che le riserve di idrocarburi dell’area del Caspio sono comunque minori di quelle dei giacimenti del territorio russo, il Corridoio Sud perde comunque parte della sua rilevanza geopolitica, proprio perchè i 10 miliardi di metri cubi che entrerebbero in Europa rappresentano solo il 2,4% del consumo continentale di gas.

Il TAP servirà più a coprire il gap di produzione europeo che a contendere quote di mercato con quelle degli altri esportatori.

 

Questo progetto è importante per l’Italia? Si tratta comunque di “un progetto rivoluzionario perché consentirà di sfruttare delle risorse che oggi potrebbero essere accessibili solo attraverso la rete di Gazprom”, come ha spiegato a La Repubblica Giampaolo Russo, Country Manager di TAP Italia fino al 12 giugno 2015.

L’Italia è collegata a sei fonti di gas ed è tra i Paesi più interconnessi del mondo. Secondo gli stress test sul gas della Commissione Ue, l’Italia sarebbe al primo posto perché è collegata con Algeria, Libia, Russia, Norvegia, Olanda. “Libia e Algeria – secondo il ministro Calenda – sono altri fornitori importanti e grandi. ma instabili, e i contratti per la fornitura di 35 miliardi di metri cubi di gas naturale scadranno nel 2020”.

Il TAP nel sistema energetico italiano si iinserisce in un piano di sviluppo di un hub mediterraneo del gas delineato dalla Strategia Energetica Nazionale del 2013, che mira alla rilevanza geopolitica del Paese per i partner europei. Attraverso pipeline multiple e rigassificatori e di ri-esportazione verso l’Europa e i recenti investimenti in reverse flow nei gasdotti che attraversano le Alpi, il nostro Paese godrebbe di un’ottima centralità.

Fra le maggiori incognite per la futura espansione del TAP rimangono le possibilità (molto incerte) che le grandi risorse di Iran e/o Turkmenistan possano confluire nel Corridoio del Sud; se il progetto russo Turkish Stream dovesse svilupparsi con una capacità superiore a quella necessaria per servire il mercato turco, il TAP potrebbe in futuro addirittura trasportare anche il gas russo. Infatti, una volta scaduto il regime di eccezione che garantisce al gas azero l’uso esclusivo del gasdotto per 25 anni, la capacità di questo sarà liberamente contendibile sul mercato in base alle regole stabilite nel terzo pacchetto energia approvato da Bruxelles nel 2009.

Pin It on Pinterest